Cascade, per offrirle una migliore esperienza su questo sito, utilizza cookie tecnici e di profilazione. Il sito consente anche l'invio di cookie di terze parti, sia tecnici, analitici che di profilazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'uso dei cookie clicca qui. Continuando nella navigazione, scorrendo la pagina o cliccando su una parte di questa acconsenti all'uso dei cookie.
Attrazioni turistiche

ATTRAZIONI TURISTICHE

La formula magica nelle più belle valli secondarie dell’Alto Adige è: benessere, piacere, attività.

Per questo il comune di Campo Tures offre una varietà senza fine di attrazioni turistiche genuine. Fra queste non si considerano solo i numerosi edifici storici e le chiese, ma anche una natura unica nel suo genere – il parco naturale Vedrette di Ries-Aurina con la sua ricchezza di flora, fauna, ghiacciai e cascate rappresenta la più grande riserva naturale dell’Alto Adige.

Anche per persone interessate alla cultura, la visita vale la spesa. Sommario delle principali attrazioni.

Castello di Tures

Il castello di Tures si erge a nord del paese di Campo Tures all’ingresso della valle Aurina. Da qui i nobili di Campo Tures controllavano nel medioevo non solo il territorio, soggetto alla loro signoria, ma anche l’ingresso a nord nella valle Aurina e tutti i diversi passaggi in valle dell’Inn e nel Krimml (Austria). Il castello acquistò un significato sempre maggiore con il tempo, così che con più di 60 stanze è oggi uno dei castelli più imponenti del Tirolo. Le parti più antiche del castello di Tures risalgono agli inizi del XIII secolo.

Le Cascate di Riva

Il gruppo di rocce a destra e sinistra del profondo burrone, attraverso cui il torrente si fa strada, sono stata arrotondate e lisciate da un ghiacciaio, che fra i 15.000 e 20.000 anni fa scorreva dalla valle di Riva. Il latte del ghiacciaio si muoveva trasportando le rocce più antiche e decomposte e lasciando dietro a sè il burrone, come lo si vede ora, e le cime arrotondate in dura pietra tonalitica, che caratterizzano lo sbocco irto e su più livelli della valle di Riva nel territorio di Tures. Le catteristiche di questo territorio hanno reso possibile la formazione delle famose Cascate di Riva.

Sentiero di S. Francesco

La via crucis del famoso Sentiero di S. Francesco fu realizzata secondo il Cantico delle Creature di S. Francesco d’Assisi – con opere di artisti locali. La prima stazione della via crucis è una cappellina votiva in pietra con la rappresentazione della Trinità. Tema è la lode alla Trinità divina. Le stazioni seguenti sono dedicate a fratello sole, sorella acqua, fratello fuoco, alla luna e le stelle, la pace, madre natura, fratello vento, sorella morte e alla lode di Dio attraverso tutte le sue creature. Le singole stazioni vivono del particolare gioco fra natura e arte.

Chiesa parrochiale di Campo Tures

La chiesa gotica parrochiale di Tures fu costruita agli inizi del XVI secolo. A Campo Tures si racconta, che si cotruì questa chiesa gotica su di una chiesa preesistente (si deve trattare di una costruzione pregotica). Così durante il periodo dei lavori si potè utilizzare la vecchia chiesa. Dopo che i lavori di costruzione della nuova chiesa furono terminati la chiesa precedente venne distrutta. Nel 1503 iniziarono i lavori di costruzione, nel 1507 venne terminato il coro, nel 1515 fu la volta del portale e nel 1527 infine l’intera chiesa fu finita.

Con l’organo di Metzl la chiesa ospita uno degli organi più importanti dell’Alto Adige. Esso contiene 40 registri e circa 2.523 flauti suonanti in quercia massiva. Per la fabbricazione furono necessarie 13.000 ore di lavoro. Il nuovo organo è stato finanziato con l’aiuto di contributi pubblici, offerte generose e prestazioni individuali.

Centri parco naturale

Conoscete nuovi aspetti delle Valli di Tures e Aurina nei centri visite dei parchi naturali di Campo Tures e Casere. Scoprite il suo straordinario paesaggio naturale e culturale da una prospettiva diversa.

 

Da non perdere sono inoltre il castello sul Kofl (Tobelburg), la residenza Neumelans, la chiesa di S. Nicolò a Caminata e una serie di altri tesori culturali delle vicinanze.

Volete saperne di più? Visitate la pagina del Associazione turistica!